“Sui giochi c’è un approccio moralistico che si ferma alla pubblicità, come se alla base non ci fosse un problema di cultura e di educazione. Così si spinge verso il gioco illegale”.

Lo ha detto in Aula alla Camera Bruno Tabacci (Gruppo Misto) durante la discussione delle questioni pregiudiziali riferite al decreto dignità.