commissione finanze
Print Friendly, PDF & Email
“E’ fondamentale, in ragione dei profondi mutamenti manifestatisi nelle modalità organizzative e nelle attività delle organizzazioni criminali, aggredire e contrastare gli illeciti sul fronte finanziario o comunque in ambiti nei quali si creano contiguità tra l’economia lecita e il reinvestimento dei proventi delle attività criminose”.

Lo ha detto ieri in Commissione Finanze al Senato il senatore Di Piazza (M5S) nell’ambito della discussione sul ddl per l’“Istituzione di una commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali, anche straniere”.

Di Piazza ha poi espresso “soddisfazione per le misure restrittive recate dal decreto-legge «dignità» in materia di pubblicità del gioco d’azzardo che interessano un comparto in varia misura interessato dall’attività delle organizzazioni criminali”.

Il disegno di legge in questione prevede la valutazione della congruità della normativa vigente per la prevenzione e il contrasto delle varie forme di accumulazione dei patrimoni illeciti, del riciclaggio e dell’impiego di beni, denaro o altre utilità che rappresentino il provento delle attività della criminalità organizzata mafiosa o similare, con particolare attenzione alle intermediazioni finanziarie, alle reti d’impresa, all’intestazione fittizia di beni e società collegate ad esse e al sistema lecito e illecito del gioco e delle scommesse, verificando l’adeguatezza delle strutture e l’efficacia delle prassi amministrative, nonchè l’indicazione delle iniziative di carattere normativo o amministrativo ritenute necessarie, anche in riferimento alle intese
internazionali, all’assistenza e alla cooperazione giudiziaria.
Commenta su Facebook