di maio
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Il governo punta ad avviare il reddito di cittadinanza nel 2019 introducendo il fondo nella prossima legge di Bilancio. Lo ha riferito il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, a Rtl. “Non voglio fare proclami, dico lo spero perché sto lavorando duro per arrivare a quest’obiettivo, spero di non trovare intoppi e problemi” ha aggiunto.

Ma il primo decreto che Di Maio presenterà in Consiglio dei ministri sarà un “decreto dignità”. Un decreto in quattro punti, ha spiegato il ministro, per “ridare dignità a categorie che hanno dato il sangue in questi anni”.

La prima categoria sono le imprese. “Vogliamo eliminare tutti quegli strumenti che rendono un inferno la vita degli onesti”, ha detto Di Maio. Il secondo punto sarà “una norma sulle delocalizzazioni”. La terza questione è “la lotta alla precarietà: ridurre il rinnovo illimitato dei contratti a tempo determinato e dare garanzia a nuove categorie tipo i ‘riders’ che sono le prime persone a cui ho aperto le porte del ministero del lavoro”.

Infine, c’è la questione del “gioco d’azzardo: voglio vietare la pubblicità del gioco d’azzardo, che sta tentando, con questi poker online e tutti questi meccanismi di gioco d’azzardo, tante persone e tanti padri di famiglia. Nessuno vuole eliminare il gioco del tutto, perché poi finirebbe nelle mani della criminalità organizzata. Il gioco online è ancora più alienante della slot nel bar. Poi c’è il tema di regolamentare i punti di gioco d’azzardo, che in alcuni casi sono camere buie in cui le persone entrano la mattina ed escono la sera, giocando con meccanismi di slot che continuano a distruggere le famiglie”.
Commenta su Facebook