L’europarlamentare maltase David Casa (PPE) ha presentato un’interrogazione alla Commissione Europea per sapere “perché la Commissione ha deciso di chiudere tutti i casi di infrazione relativi al settore del gioco online”.

Il parlamentare fa riferimento alla decisione della Commissione risalente al 2017 con la quale è stata disposta la revoca di tutti i casi di infrazione relativi al settore del gioco, ma “tale decisione potrebbe avere un effetto negativo sulla lotta contro i servizi di gioco non regolamentati extra UE, in quanto incoraggia l’ulteriore frammentazione delle già molto diverse politiche sul gioco degli Stati membri”. “Eliminando tutti i casi di infrazione, aumenterà la possibilità che gli Stati membri sviluppino politiche sul gioco in contrasto con il principio fondamentale della libera prestazione dei servizi” ha spiegato Casa.
Casa chiede alla Commissione “in che modo la decisione di non applicare la legislazione dell’UE nel settore del gioco aiuta i consumatori” e “in che modo la decisione di sciogliere il gruppo di esperti sui servizi di gioco aiuterà le autorità nazionali a coordinare e rafforzare la legislazione sul gioco”.