«Oggi Forza Italia è in piazza con i lavoratori del settore del gioco legale pubblico. Sosteniamo questo settore da sempre in quanto siamo certi che la sua limitazione non solo crea disoccupati e minori entrate fiscali allo Stato ma soprattutto favorisce la criminalità organizzata», afferma il deputato di Forza Italia, Mauro D’Attis (nella foto). «Ogni volta che la politica è intervenuto a danno dei concessionari pubblici del gioco ha semplicemente favorito i criminali e il gioco illegale- prosegue-.Lo dicono varie relazioni della DIA, con le parole del procuratore antimafia Cafiero De Raho, quelle dell’Agenzia delle Dogane, con il suo direttore generale Marcello Minenna, e gli interventi di alcuni autorevoli Procuratori della Repubblica, come il dottor Antonio De Donno, presidente del Comitato scientifico di Eurispes. Questa legislatura  è piena di nostri emendamenti a mia prima firma tesi a sostenere la legalità del gioco a partire dal necessario riordino del settore. Ora però ci sono 150.000 famiglie quasi alla fame per un settore che è stato il primo ad essere chiuso e l’ultimo ad essere riaperto nei vari lockdown. L’assenza di ristori seri ha dato la mazzata definitiva al settore. Queste cose le abbiamo sostenute quando eravamo all’opposizione, ci faremo sentire ancora di più ora che siamo in maggioranza. A differenza di molti altri colleghi e partiti che ipocritamente hanno solo saputo sfilare nelle varie interviste rilasciate facendo mancare il loro sostegno nelle votazioni degli emendamenti e alle proposte di Forza Italia».