Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) “La decisione del Governo centrale di ridurre il numero delle slot machine del 35% è un’ottima notizia. Io sono stata firmataria nella passata legislatura della legge regionale che prevedeva una riorganizzazione e chiedeva anche più poteri alle Regioni per definire insieme con i Comuni un programma per tagliare un pò di queste sale giochi”. Così Rosa d’Amelio, presidente del Consiglio regionale della Campania, a margine di una iniziativa nella sede dell’assemblea legislativa al centro direzionale di Napoli, commenta l’intesa tra Governo e Regioni sul riordino del settore, siglata ieri in Conferenza Unificata.

“Noi – ha aggiunto la D’Amelio – siamo una delle regioni d’Italia a più alto tasso di giocatori, abbiamo molti minorenni che giocano e questa è una cosa davvero grave, perché si tratta di una dipendenza patologica vera. Tra l’altro, con un’ambiguità di fondo: perché lo Stato incassa massicce risorse, ma poi dobbiamo spenderne altrettante per la terapia. Adesso il Governo è intervenuto dando più poteri alle Regioni e ai Comuni, in linea con quanto da noi già stabilito. Dobbiamo tutelare i minori – ha concluso d’Amelio – le sale giochi vanno tenute lontane dalle scuole, e con una videosorveglianza seria che controlli chi entra”.

Commenta su Facebook