Nei primi cinque mesi del 2020 lo Stato ha incassato dalle attività di gioco legale poco meno di 2 miliardi di euro.

E’ quanto certifica la Ragioneria dello Stato. 328.421.575 euro sono confluiti nelle casse dello Stato a titolo di proventi da Lotto.

Il prelievo erariale sulle slot ha garantito 1.370.412.273 euro e 100.687.459 euro dalla quota del 40 per cento dell’imposta unica sui giuochi di abilità e sui concorsi pronostici.

180 milioni di euro invece sono arrivati dalla ritenuta sulle vincete del Lotto.

Il Bingo ha garantito entrate per un totale di 1.355.827.471 euro.

Il versamento di somme da parte dei concessionari di gioco praticato mediante apparecchi di cui all’articolo 110, c. 6, t.u. di cui al r. d. 18 giugno 1931, n. 773 ammonta a oltre 11 milioni di euro e altri 92 milioni sono le entrate da proventi relativi ai canoni di concessione per la gestione della rete telematica relativa agli apparecchi da divertimento ed intrattenimento ed ai giochi numerici a totalizzatore nazionale.