È di 35,5 milioni di euro la quota del Fondo nazionale per la lotta alla povertà e all’esclusione sociale destinata alla Lombardia per il 2020. Lo ha annunciato Regione Lombardia, spiegando con l’assessore regionale alle Politiche sociali, abitative e Disabilità, Stefano Bolognini che “questo denaro ci permetterà di rafforzare le politiche di miglioramento della qualità della vita dei nostri cittadini, in particolare di quelli più fragili, e inoltre, contribuirà a moltiplicare le azioni di inclusione”.

“La difesa del sociale è una delle linee guida di questa Giunta” ha ricordato in una nota Bolognini, sottolineando che “con l’emergenza coronavirus il nostro impegno verso i più deboli è stato amplificato e quest’anno metteremo a disposizione per il contrasto alle condizioni di vulnerabilità 283,2 milioni di euro, tra fondi regionali e riparto di quelli nazionali. Insieme possiamo farcela e, alla fine, torneremo più forti di prima”. “Lo scorso anno le risorse del Fondo avevano sostenuto innanzitutto i progetti di inclusione sociale sul territorio lombardo” ha continuato l’assessore, specificando che “una quota era stata riservata ai servizi per le persone in condizioni di povertà estrema e senza fissa dimora, e un’altra era andata al finanziamento di progetti speciali sperimentali come quello sui ‘care leavers’, di aiuto cioè ai ragazzi che alla maggiore età lasciano la famiglia su provvedimento dell’autorità giudiziaria. Indirizzi che confermiamo e rafforziamo anche alla luce dei bisogni messi in evidenza dall’emergenza Covid-19”.

Proseguiranno, quindi, nel 2020 le numerose iniziative regionali di contrasto alla povertà avviate dalla Giunta. “Reddito di Autonomia, Dote Unica Lavoro, Nidi Gratis 2019-2020, Bonus Famiglia, il contrasto al gioco d’azzardo patologico, le nuove misure sulle politiche abitative, come il bonus triennale per la sospensione del canone Aler agli inquilini over 70. E ancora – prosegue Bolognini -: il fondo emergenza abitativa per le famiglie in affitto sul mercato privato, quelli sulla morosità incolpevole, la solidarietà per il sostegno a inquilini di case popolari che non riescono a pagare l’affitto e il sostegno abitativo con canone agevolato per i coniugi separati con i loro figli. Il diritto al cibo, la lotta allo spreco alimentare e gli aiuti ai senza fissa dimora”.

“Regione Lombardia ha messo a punto un sistema complessivo di sostegno alle famiglie e alle persone che vivono situazioni di rischio e di esposizione a quella che viene definita ‘fragilità che si sono rivelati efficaci anche nell’emergenza coronavirus” ha ribadito Bolognini, spigando che “la strada da fare è ancora molta ma la direzione è quella giusta e vogliamo percorrerla insieme ai nostri cittadini, accompagnandoli per mano”. “La Regione c’è, fa la sua parte ed è pronta a collaborare con enti e associazioni – ha concluso – per uscire il più in fretta possibile dalla terribile crisi scatenata dal Covid-19”.