Le Regioni stanno lavorando ad una serie di proposte per la riapertura graduale delle tante attività ancora sospese per il rischio pandemico, tra cui le attività di giochi e scommesse.

Si tratta di una attività svolta insieme ai gruppi tecnici indicati dalla Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome.

La Regione Veneto coordinerà due gruppi tematici specifici: il primo è di carattere sanitario e istituisce presso il Ministero della Salute un tavolo tecnico di confronto, con il compito di procedere all’eventuale revisione o aggiornamento dei parametri per la valutazione del rischio epidemiologico individuati dal decreto del Ministro della salute 30 aprile 2020.

Le Regioni coinvolte sono appunto il Veneto (coordinatore), Lazio, Lombardia, Molise e la Provincia Autonoma di Trento.

Il secondo gruppo di lavoro si occuperà invece di un eventuale aggiornamento dei protocolli delle Linee guida per la riapertura delle attività economiche, produttive e ricreative, anche al fine di formulare proposte al Governo sulla riapertura della attività economiche, produttive e ricreative, non appena la curva dei contagi renderà possibile programmare un allentamento delle misure attualmente in vigore.

Come è noto è proprio sulla valutazione dell’indice di rischio (medio alto) che il Cts nell’aprile del 2020 ha assegnato alle attività di sale giochi, bingo e scommesse che è stata decisa la sospensione totale nella primavera dello stesso anno e successivamente ad ottobre. Da allora i giochi non hanno potuto più riaprire, nemmeno con limitazioni di orario.

Articolo precedenteCagliari. ADM sequestra apparecchiature in una sala scommesse contestando il reato di intermediazione
Articolo successivoPiemonte. Leone (Lega) su modifica norma giochi: ‘’Difendere diritto alla legalità ‘’