Carlo Cottarelli

“Dal primo giugno, in seguito a un decreto dell’ADM, calciobalilla, flipper e persino tavoli da ping pong devono ottenere una dichiarazione che attesti non siano strumenti per giocare d’azzardo. Già partite alcune multe. Non c’è limite alla burocrazia”. E’ la considerazione di Carlo Cottarelli (nella foto), Direttore dell’Osservatorio sui Conti Pubblici Italiani, in merito a quanto evidenziato da alcuni articoli di stampa a proposito delle procedure di autorizzazione previste per gli apparecchi di puro intrattenimento.

Articolo precedenteSenato, Gasparri (FI): “Detassare calciobalilla, pronta interrogazione al Mef”
Articolo successivoLa norma ‘salva-calciobalilla’ nel decreto PNRR 2 che il Senato voterà a breve