“Rispetto all’estensione del green pass, l’idea e’ quella di pensare a una modulazione e gradualita’ a seconda del quadro della regione: si possono cioe’ prevedere intensificazioni dell’utilizzo del green pass a seconda della situazione”. Cosi’ all’ANSA il sottosegretario alla Salute Andrea Costa. “Se c’e’ una situazione che peggiora, automaticamente – spiega – ci puo’ essere un’applicazione piu’ ampia del green pass. E’ un ragionamento di buon senso: se una Regione rimane bianca ci puo’ essere un tipo di utilizzo di green pass, ma se una Regione ha criticita’ maggiori, piuttosto che chiudere si applica il green pass piu’ restrittivo”.

“Credo che l’intendimento sia di prolungare lo stato di emergenza fino a fine ottobre. C’e’ in campo anche l’ipotesi fino a gennaio ma credo che si possa ragionare su un primo step ad ottobre e poi, naturalmente, valuteremo”. Ha aggiunto il sottosegretario alla Salute Andrea Costa. “Questa sara’ la settimana decisiva in cui si prenderanno alcune decisioni. Per quanti riguarda il prolungamento dello stato di emergenza, considerando anche che siamo nel pieno della campagna vaccinale, credo – ha detto – che la struttura emergenziale del commissario Figliuolo sia ancora utile per proseguire e portare a termine questo percorso”.

“La modifica dei parametri verra’ fatta entro questa settimana e prima di venerdi’, in modo che venerdi’, quando decideremo i colori per le regioni, lo faremo gia’ con i nuovi parametri. La decisione sara’ presa in Cdm, probabilmente mercoledi’ o giovedi’”.”Verranno finalmente modificati i parametri e si dara’ molto piu’ peso – spiega – agli ospedalizzati e alle terapie intensive, perche’ c’e’ la consapevolezza che di fronte ormai a oltre 27 milioni di cittadini vaccinati non ha piu’ senso dare cosi’ tanto rilievo al numero de contagiati”.