Coprifuoco alle 22 e ritorno della didattica a distanza. Sono questi le misure su cui sta ragionando il Governo nelle ultime ore dopo la grande crescita dei casi di Covid-19 accertati dell’ultima settimana e che potrebbe portare a un nuovo provvedimento già domani quando è in programma il Consiglio dei Ministri.

Secondo quanto riporta il Corriere della Sera, da Palazzo Chigi ritengono il coprifuoco “una cosa molto probabile” e le nuove regole potrebbero imporre a bar, ristoranti e altri pubblici esercizi di abbassare le saracinesche alle 21 o alle 22, con una stretta sui controlli e multe per coloro che non rispettano le regole

Fra le misure allo studio anche chiusura di palestre, parrucchieri, barbieri, centri estetici, ma anche cinema e teatri. Si riflette anche sulla didattica a distanza alle superiori.

Pressing del Comitato tecnico scientifico

Arriva anche un pressing al governo del Comitato tecnico scientifico: «Alla luce dei nuovi dati emersi e della nuova fase servono misure più stringenti per far fronte al progressivo aumento dei contagi». Chiesti provvedimenti più restrittivi in tempi rapidi che superino l’attuale Dpcm, anche in vista del week end. Tra le ipotesi, quella di un ‘coprifuoco’ e la didattica a distanza almeno per le scuole superiori. Obiettivo: evitare un nuovo lockdown. Intanto scattano i primi lockdown locali, si intensificano le zone rosse.