“Governo e sindaci blocchino ora e per sempre l’azzardo a tutela della salute e dell’economia nazionale”. È l’appello della Consulta nazionale antiusura Giovanni Paolo II. “Nelle tabaccherie sono richiestissimi Gratta e Vinci, Gioco del Lotto, Superenalotto, scommesse on line e slotmachine (…).

Lo Stato in grave emergenza umanitaria ed economica non può continuare a fare soldi sulle persone più fragili, deboli e indifese. I Gratta e Vinci, il Gioco del Lotto e il Superenalotto non sono beni di prima necessità (…). Questa pandemia sia l’occasione per il Governo di fare una scelta netta e concreta che abbia riscontro nella vita reale delle persone. Non può dire che l’azzardo fa male alla salute e all’economia mentre tiene accesa la fiamma dell’azzardo in un momento di buio pesto per il futuro del Paese in cui le persone non hanno la possibilità di celebrare i funerali per i propri cari. Lo Stato pertanto si tiri fuori dal business dell’azzardo, spenga in questo momento e per sempre slot machine, scommesse online, Gratta e Vinci, Gioco del Lotto Superenalotto e tutto ciò che ruota intorno al mondo dell’azzardo”.