Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) E’ fatta. L’intesa sul riordino del settore e le caratteristiche dei punti di gioco è pressochè raggiunta. E’ quanto hanno fatto sapere oggi i rappresentati delle Regioni che hanno partecipato alla riunione della Conferenza Unificata .

Per l’espressione dell’accordo però bisognerà aspettare settembre con la ripresa dei lavori.

Sul nuovo testo che riordina il tema sui giochi “abbiamo chiesto al governo una breve e ulteriore pausa di affinamento del testo e apprezziamo il significativo passo in
avanti fatto per l’adeguamento del testo ai suggerimenti delle Regioni”. Lo ha detto il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, al termine della Conferenza delle Regioni. “Avevamo chiesto una pausa per affinare il testo del provvedimento sulla territorialita’ dei punti gioco e alcuni governatori hanno chiesto al sottosegretario all’Economia, Pier Paolo Baretta, di sollecitare il governo a esaminare il nuovo testo alla Conferenza
delle Regioni straordinaria del 7 settembre. Sono soddisfatto – ha aggiunto – perche’ rispetto al vecchio decreto viene riconosciuta l’importanza dell’autonomia delle Regioni, parlo di tutta una serie di criteri, come ad esempio, quelli urbanistici, a parte il dimezzamento delle macchinette voluto dal governo”.

“Il testo va solamente limato. L’accordo c’è. Abbiamo preferito rimandare solamente per migliorare la bozza” ha detto Massimo Garavaglia.

Commenta su Facebook