Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – “In manovra ci riguardano 4 provvedimenti, tre sul settore dei giochi e uno su quello dei tabacchi”.

E’ quanto riferito dal vicedirettore dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli, Alessandro Aronica, nell’ambito delle Commissioni riunite Bilancio di Camera e Senato questa mattina durante l’audizione sulle misure correttive di cui al decreto-legge n. 50 del 2017, recante disposizioni urgenti in materia finanziaria, iniziative a favore degli enti territoriali, ulteriori interventi per le zone colpite da eventi sismici e misure per lo sviluppo.

“Per il settore dei giochi – ha spiegato – si interviene sulla cosiddetta tassa sulla fortuna, ossia la tassa sulle vincite. Viene raddoppiata per una serie di giochi per cui già esisteva, dove passa dal 6 al 12%. I giochi interessati sono quelli numerici a totalizzatore come il Superenalotto, le lotterie istantanee (Gratta e Vinci) e le Vlt. La tassa della fortuna riguarda anche il gioco del Lotto, qui però agisce in modo particolare, praticamente su qualsiasi vincita, mentre per gli altri giochi la tassa interviene solo per le vincite superiori ai 500 euro. Nel caso del Lotto l’aliquota è stata quindi innalzata solo di 2 punti percentuali, proprio perchè riguarda tutte le vincite. Un incremento di aliquota come per gli altri giochi avrebbe probabilmente portato ad un decremento della raccolta abbastanza sensibile. In ogni caso gli effetti del provvedimento sono stati stimati tenendo presente anche un certo calo del gioco che potrà essere indotto da questo tipo di intervento.

Gli altri due interventi – ha proseguito Aronica – riguardano gli apparecchi da divertimento. Nel caso delle awp, che sono quelle macchine per cui il Governo ha previsto una riduzione del 30% e che sono presenti anche nei bar e nei tabacchi, il Preu era stato portato già al 17,5% lo scorso anno e ora è stato ulteriormente incrementato al 19%. Queste aliquote, lo ribadisco, sono commisurate alla raccolta. Tuttavia l’anno scorso si era anche consentito di abbassare il payout che era passato dal 74% al 70% e in corrispondenza di questo abbassamento del payout si è iniziato a registrare un cedimento della raccolta. Sulle vlt l’incremento del Preu è di mezzo punto percentuale, non necessariamente verrà traslato sui giocatori però è in astratto possibile che ciò avvenga” ha concluso Aronica.

Commissioni riunite Bilancio, Laffranco (FI): “Interventi su giochi scelta obbligata?”. Aronica (Adm): “C’erano diverse ipotesi, è stata decisione politica”

Commenta su Facebook