“In merito alle modalità di utilizzo della carta RdC, si ricorda che l’unico limite attualmente previsto è il divieto relativo ai giochi che prevedono vincite in denaro: si fa riferimento pertanto a situazioni di ludopatia in cui dovrebbero intervenire a supporto anche i servizi sociali, al fine di educare i soggetti ad una corretta gestione delle risorse familiari”.

Lo ha detto ieri in Commissione Lavoro del Senato nell’ambito dell’esame del disegno di legge “Conversione in legge del decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4, recante disposizioni urgenti in materia di reddito di cittadinanza e di pensioni” il sottosegretario di Stato al Ministero del Lavoro, Claudio Cominardi.

“In casi del genere – ha aggiunto – non è sbagliato intervenire anche prevedendo forme di controllo riguardo all’utilizzo della carta”. Sulle questioni sollevate concernenti il tema della privacy ha fatto infine presente che “è in corso un’interlocuzione tra il Governo e l’Autorità garante per la protezione dei dati personali”.