L’Austria ha presentato in Commissione Europea un progetto di legge che modifica la normativa prevista per gli imprenditori del settore scommesse operanti a Salisburgo. Il regolare periodo di stand still, della durata di 3 mesi, scade il prossimo 16 agosto.

Con la proposta di legge si perseguono tre obiettivi: si interviene sui requisiti minimi per la progettazione della carta cliente scommesse; si tiene conto del progresso tecnico aprendo l’identificazione mediante un processo di riconoscimento biometrico; si fa un altro passo verso la digitalizzazione e la semplificazione amministrativa.

Nel dettaglio: 1.1. Le revisioni in corso dei negozi di scommesse hanno dimostrato che varie carte cliente per scommesse hanno solo un numero cliente. Non è stato quindi facile per il personale addetto al controllo stabilire un legame chiaro tra la carta cliente scommesse e il titolare. Per contrastare questo problema, i requisiti minimi per la progettazione del contenuto della carta cliente scommesse sono ora inclusi nella legge nella sezione 20 (5). L’impronta obbligatoria di una foto facilita il controllo del collegamento tra la carta cliente scommesse e il suo proprietario e serve quindi all’economia amministrativa. 1.2. Gli emendamenti e le integrazioni proposte alle sezioni 16 (3), 20, 21, 24c, 24h e 34 (1) tengono conto del progresso tecnico senza abbassare il livello di protezione dei giocatori e dei giovani. Oltre all’identificazione di un cliente scommesse tramite una carta cliente scommesse, viene aperta la possibilità di identificazione tramite un processo di riconoscimento biometrico. Un tale sistema deve essere almeno equivalente in termini di funzionalità alla carta cliente di scommesse allora obsoleta. Ad esempio, dovrebbero essere considerate le impronte digitali o il Face-ID. Nel settore dei giochi esiste già una regolamentazione analoga per l’elenco individuale degli apparecchi da gioco (cfr. § 5 cpv. 4 lett b Z 2 della legge sui giochi). 1.3. Nello stato di Salisburgo è stata creata un’applicazione elettronica integrata nel portale dei servizi aziendali per l’invio di annunci semplici ai sensi del § 22 Z 2, 3 e 4. Quando si utilizza questa applicazione, i dati trasmessi vengono memorizzati direttamente nel database delle società di scommesse e devono essere rilasciati dall’autorità solo dopo la verifica. Questa applicazione rappresenta un passo avanti verso la digitalizzazione e la semplificazione amministrativa sia per l’autorità che per la società di scommesse. Il nuovo articolo 23 capoverso 1a è inteso a garantire che la società di scommesse debba presentare determinati annunci tramite questa interfaccia elettronica.

Articolo precedenteGiochi senza vincita in denaro, Federamusement Confesercenti su sale LAN e protocollo Coni-Adm: “Bene regole ma serve concertazione”
Articolo successivoSlot, licenza art. 88 Tulps sempre obbligatoria nell’esercizio dove si raccolgono scommesse