“Ero rimasto colpito, tra le altre cose, nella sua precedente audizione sul riferimento che aveva fatto all’interoperabilità che esiste tra le banche dati e la collaborazione fra diverse strutture che hanno come fine ultimo naturalmente solo quello di tutelare l’interesse dello Stato. Siccome in Commissione di vigilanza dell’anagrafe tributaria stiamo facendo un approfondimento sulla digitalizzazione, ieri mi sono permesso di chiedere in audizione al generale Arbore della Guardia di Finanza se lui percepisse questo potenziale elemento di interoperabilità e lui ha negato assolutamente. L’analisi che stiamo facendo è molto importante, vorrei chiedere un parere”.

Lo ha detto il senatore di Italia Viva e presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sul gioco illegale e sulle disfunzioni del gioco pubblico, Mauro Maria Marino (nella foto), nell’ambito del seguito dell’audizione del direttore generale di Adm, Marcello Minenna.

“Penso che la disponibilità dimostrata sia il primo importante segnale di una collaborazione che si instaurerà tra questa Commissione e l’Agenzia e penso che faccia parte delle cose” ha concluso.