Cio` che ci incoraggia e` vedere che l’attenzione intorno al tema dell’usura e` crescente, anche se – e questo lo denunzio – non da parte dei mass media. Voglio fare un riferimento: e` stata fatta una legge sull’usura ed ero presente quando cio` e` accaduto. Ma ci sono le cause che portano all’usura, come il gioco d’azzardo.

Lo ha detto in audizione presso la Commissione parlamentare d’inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali, anche straniere, il presidente della Consulta Nazionale Antiusura, monsignor Alberto D’Urso.

“Se, invece di dire a qualcuno di andare a giocare all’azzardo, gli si trovasse un lavoro, la gente potrebbe respirare speranza, perche´ tanti aspettano proprio queste risposte. (…) Ricordo che quando abbiamo fatto i primi incontri al MEF – l’allora ministro era Ciampi, se non erro – si alzo` una persona e ci chiese cosa ci facessero lı` dei preti. Gli risposi che eravamo esperti in umanita`. E continuo a dirlo: io mi trovo qui come esperto in umanita`, e porto questo distintivo con molto piacere – me l’ha dato il sindaco di Assisi dopo che abbiamo aiutato a creare un regolamento per Assisi come citta` contro l’azzardo – e con orgoglio, perche´ non si puo` combattere l’usura se non si combattono le cause. Se la politica vuole combattere l’usura senza contemporaneamente combatterne le cause, allora e` bugiarda. Dico questo perche´ chi vuole combattere veramente l’usura deve combatterne le cause. Con gli incassi netti (19 miliardi), cos’abbiamo assicurato in questi anni? Non poco: l’anno scorso, le persone hanno sperperato nell’azzardo circa 110 miliardi; in un paesino vicino Bari (Casamassima), siamo a 4.000 euro a testa; abbiamo perduto la testa veramente (anche in questo caso, purtroppo, D’Urso confonde il giocato con la spesa reale, le cifre a cui si riferisce non tengono infatti conto del ritorno in vincite ai giocatori, ndr). (…) Nel 2015, la Regione Puglia aveva fatto una legge sull’usura e sull’azzardo, ma soltanto da nemmeno un mese abbiamo avuto un aiuto dalla Regione per quanto riguarda l’usura (e da allora al 2020 sono passati cinque anni e chi ha fame non puo` aspettare tanto tempo)”.

Durante l’audizione il senatore Giovanni Endrizzi (M5S) ha affermato: “(…) Avrei anche altre domande da rivolgerle, ma desidero lasciare spazio ai colleghi e quindi, come coordinatore del Comitato che approfondisce il tema dei legami tra mafie e azzardo, le chiedo la sua disponibilita` ad intervenire in quella sede sullo specifico tema dell’azzardo. Riserverei quindi a tale occasione le domande su questo tema”.