“Dopo l’ennesima bocciatura da parte del Consiglio di Stato, la giunta non può aspettare un minuto di più a ritirare la famigerata delibera sulle sale slot. Quattro tribunali (due Tar e due Consigli di Stato), con altrettante nette sentenze, hanno sancito l’illegittimità dell’atto n. 323/2018 votato dalla giunta Ciarapica contro il parere della Questura di Macerata, che era stato difeso anche con la forzatura di pareri chiesti e ottenuti dagli uffici della Regione a guida Acquaroli. Un comportamento censurato dal giudice che in sentenza si spinge a scrivere che esiste ‘la legittima supposizione che con esso si sia cercato un modo per aggirare il giudicato medesimo’. Ora a Ciarapica, alla sua giunta e al segretario generale Morosi non resta che applicare la legge sancita da quattro tribunali e ritirare finalmente una delibera illegittima”. Così in una nota Francesco Micucci (PD) e Silvia Squadroni (SiAmo Civitanova).

Articolo precedenteFieracavalli, Lollobrigida (Mipaaf): “L’ippica è una risorsa, il settore va riorganizzato”
Articolo successivoSlot. ADM segnala al Mef criticità norme Regione Lazio su contrasto gioco d’azzardo