slot
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Approvato all’unanimità a Cittadella (PD) il regolamento contro il gioco d’azzardo. L’intento è quello di disciplinare l’installazione delle slot fissando una distanza di almeno 500 metri dai luoghi sensibili.

“Vogliamo che la diffusione del gioco lecito sul territorio avvenga riducendo i rischi legati alla moltiplicazione delle offerte, delle occasioni ed i centri di intrattenimento, in funzione della prevenzione del gioco d’azzardo patologico. Tra gli obiettivi anche quello di tutelare la salute pubblica e il benessere socio-economico dei cittadini ed in particolare delle fasce più deboli e della popolazione maggiormente esposte alle lusinghe ed illusioni del gioco d’azzardo” ha dichiarato l’assessore al Commercio, Filippo De Rossi.

Il regolamento vieta l’apertura di qualsiasi nuova sala giochi, anche interna ad esercizi, in locali che si trovino a una distanza inferiore a 500 metri da scuole, centri di aggregazione giovanile, impianti sportivi, chiese, patronati, capitelli, strutture ricettive per categorie protette, centri culturali aperti al pubblico, stazioni di treni e di autobus, aree verdi attrezzate a parchi giochi e caserme militari. Nella lista sono inclusi anche gli sportelli bancari, postali o bancomat, le agenzie di prestiti e di pegno, i locali in cui si eserciti l’acquisto di oggetti preziosi.

Il regolamento è praticamente lo stesso già approvato a Selvazzano Dentro (PD) e poi annullato dal Tar in seguito al ricorso presentato da un’azienda. Aspetto che non impensierisce il sindaco Luca Pierobon: “Noi andiamo dritti per la nostra strada e difenderemo a spada tratta questo regolamento, in base al quale il territorio non viene totalmente escluso dalla possibilità di avviare questo tipo di attività”.

Commenta su Facebook