Il Ministero degli Interni, con una circolare indirizzata alle Prefetture e alle Forze dell’Ordine, oltre che atutte le Questure, interviene sulle disposizioni che limitano l’orario di funzionamento degli apparecchi da intrattenimento a vincita.
Testo integrale della circolare a questo link

 

Nella nota del Ministero si fa esplicito riferimento al contenzioso conseguente alla introduzione di limitazioni orarie al funzionamento degli apparecchi , spesso di contenuto diverso da Comune a Comune.

La circolare riporta che “attraverso la stipula di una intesa , in un quadro di regole e criteri omogenei sul territorio nazionale, anche in assenza del decreto di recepimento, assume valore di parametro di riferimento per l’esercizio da parte delle Amministrazioni Locali, delle loro specifiche competenze in materia di disciplina dei giochi leciti”.

Va ricordato infatti che quella Intesa, sottoscritta nel settembre 2017, limita a un massimo di sei ore giornaliere il ‘blocco’ degli apparecchi. Oggi, la circolare in questione, chiarisce che tale intesa “riveste una valenza di norma di indirizzo per gli Enti Locali, costituendo, allo stesso tempo, un parametro di legittimità dei proveddimenti da essi adottati”.