Rodolfo Sanna (M5S) lancia un appello all’amministrazione comunale di Ceriale (SV). «Il gioco d’azzardo patologico è una piaga sociale che si traduce in tempo rubato al lavoro, alle famiglie, allo studio, in soldi sottratti al commercio e al circuito dell’economia virtuosa, in famiglie ridotte alla miseria e di conseguenza in un aggravio di costi per i servizi sociali del Comune, e che quindi deve essere prevenuta con tutti gli strumenti possibili in ottica propositiva abbiamo inviato a tutti i consiglieri una proposta deliberativa per la regolamentazione degli orari, già pronta per essere presentata. Proponiamo inoltre di aderire all’applicativo S.M.A.R.T. dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli che permette un monitoraggio remoto delle attività, verificando l’osservanza sia delle distanze minime dai luoghi cd sensibili, sia il rispetto delle fasce orarie imposte».

«Il problema è serio e deve essere affrontato, ma bisogna farlo in maniera che risulti efficace e funzionale –afferma il sindaco Luigi Romano– alcuni comuni hanno visto i loro regolamenti impugnati, altri vanificati da regole e orari differenti nelle località limitrofe. Stiamo studiando una soluzione che possa evitare questo genere di inconvenienti».