Il circolo del Partito Democratico di Castrovillari (CS), attraverso il segretario Giovanni Fazio, ha deciso di chiedere al consiglio comunale un’accelerata sul Regolamento Comunale per l’esercizio del gioco lecito e per la prevenzione del gioco d’azzardo patologico (G.A.P.). Chiedendo altresì alle forze dell’odine, partendo dalla Polizia Municipale, «di effettuare i necessari controlli, affinché la norma regionale, già vigente, venga applicata».

La discussione affrontata nel partito ha fatto emergere che il regolamento, seppur approvato da due Commissioni Consiliari equamente competenti in materia, «non risulta essere, se considerato in maniera a sé stante, uno strumento efficace per prevenire il gioco d’azzardo».

Per questo si è concluso che serve agire su diversi fronti: quello della prevenzione, quello dell’aiuto ai soggetti malati, quello della reprimenda di chi è fuori dalla legalità e quello del controllo del territorio da parte delle forze di polizia. All’unanimità il Partito Democratico ha deciso di «effettuare un’azione informativa a favore della cittadinanza tutta e, in particolare, degli studenti delle scuole superiori, al fine di prevenire l’insorgere del problema. Ciò, ovviamente, in accordo e sotto la direzione di psicologi e psicoterapeuti della nostra Asp», ma allo stesso tempo si è propostoall’mministrazione, sempre in accordo con l’azienda sanitaria, di intervenire realizzando un sito web attraverso il quale mettere a disposizione materiale informativo rispetto al problema e conoscitivo rispetto, eventualmente, alle cure da porre in essere.

«È stata, altresì, chiesta l’attivazione, presso l’ufficio dei Servizi Sociali, di un servizio di consulenza psicologica, sempre gratuita e sempre in accordo con l’ASP, rivolto ai soggetti ludopatici e alle famiglie degli stessi». Il Pd crede in una «città deludopatizzata e siamo convinti che, tutti i Consiglieri Comunali, indipendentemente dal colore politico, sosterranno, insieme a noi, questa battaglia contro un problema di così grande impatto sociale».

E’ quanto si legge su ambreport.it.