azzardo

(Jamma) – I consiglieri comunali del M5S di Castellaneta (TA) hanno depositato una mozione per portare all’attenzione dell’Amministrazione “quella che è senza dubbio una piaga sociale”, chiedendo il rispetto della normativa regionale, L.R. n. 43 del 2013, sulla distanza di almeno 500 metri dai luoghi sensibili (scuole, centri di aggregazione, giardini pubblici, bancomat, spiagge, ecc) e sulla regolamentazione degli orari di chiusura/apertura dei locali che abbiano al loro interno angoli dedicati alle slot, alla vendita di lotterie o delle vere e proprie sale gioco o scommesse.

Sollecitando il Sindaco a controllare le autorizzazioni in essere e a non rinnovare quelle che non abbiano i requisiti di Legge. In conclusione i portavoce del Movimento 5 Stelle chiedono all’Amministrazione comunale che venga adottato un regolamento per il contrasto dell’azzardopatia, come presente in molti Comuni, che si faccia promotrice di azioni di sensibilizzazione del problema: “Siamo già in forte ritardo, dal 2013, anno dell’entrata in vigore della Legge regionale, il volume delle giocate è in costante aumento e le distanze dai luoghi sensibili non sono state prese assolutamente in considerazione” infine “il M5S, ora forza politica di governo, da sempre schierato per la lotta contro il gioco d’azzardo, a conferma dell’importanza che riveste per noi questo problema, ha ritenuto urgente inserire nel primo Decreto Ministeriale, cosiddetto “Decreto Dignità”, a firma del Ministro Luigi Di Maio, misure di prevenzione all’azzardopatia come il divieto di ogni forma di pubblicità per il gioco d’azzardo”.

Commenta su Facebook