Dopo l’incontro a Palazzo Chigi con Mario Draghi, Matteo Salvini è intervenuto sulla possibilità delle dimissioni del sottosegretario al Mef con delega ai giochi, Claudio Durigon (nella foto), finito nell’occhio del ciclone dopo le parole pronunciate a Latina con cui ha proposto di reintitolare al fratello del duce, Arnaldo Mussolini, il parco di Latina: “Ragioneremo io e lui su cosa è più utile fare per lui, Lega e Governo. Non siamo qui per creare problemi, ma per risolverli, siamo per spegnere le polemiche e non per alimentarle. Fascismo e comunismo sono stati sconfitti e si studiano sui libri di Storia. E con Durigon sono al lavoro su tanti temi” ha detto Salvini.

“Sicuramente sì”, a settembre il Pd presenterà una mozione di censura per chiedere le dimissioni del sottosegretario Durigon. “Credo che sia incompatibile l’apologia de fascismo con la presenza dentro questo governo. E’ incompatibile con la nostra Costituzione a maggior ragione dentro questo governo. Credo che questa vicenda debba essere risolte”. Lo ha detto il segretario del Pd, Enrico Letta, a margine del Meeting di Cl.