Un gruppo di imprenditori del lombardo-veneto, specializzati negli investimenti in Fondi internazionali, è pronto a presentare alla Regione, al Tribunale di Aosta e al commissario giudiziale, Ivano Pagliero, una proposta di acquisto degli immobili e delle diverse proprietà annessi al Casino de la Vallée di Saint-Vincent, attualmente in procedura di concordato per evitare il fallimento. Quanto alla Casa da gioco, di proprietà della società partecipata Casino de la Vallée spa, gli imprenditori privati non propongono l’acquisto della struttura ma una concessione di lunga durata. E’ quanto si legge su aostacronaca.it.

Un progetto privato alquanto ambizioso al quale però l’assessore regionale con delega alle Partecipate, Luciano Caveri, mette un alt e non da poco: “Ci si può confrontare con qualunque iniziativa seria e ponderata che guardi al rilancio del Casinò, ma devo ricordare che non è possibile acquistare tout court i beni della Casino Spa pur avendo il denaro sufficiente ad ottenere la concessione della gestione della Casa da gioco e pur avendone i requisiti: per mettere sul mercato la società e le proprietà occorre la composizione di un bando europeo, quindi la partecipazione di privati alla gara. Una trattativa preferenziale non è possibile”.