«Ricordo agli esercenti di Casalmaggiore (CR) che hanno tempo sino alla fine di aprile per mettersi in regola con le prescrizioni del regolamento». Così l’assessore alle Politiche sociali, Gianfranco Salvatore.

Il regolamento distrettuale casalasco per la prevenzione e il contrasto alla ludopatia, elaborato sotto l’egida del Consorzio Casalasco Servizi Sociali e scarso interesse, prevede distanziometro e limiti orari di accensione delle slot machine: dalle 10 alle 13 e dalle 18 alle 23. Previsti anche il divieto di pubblicizzare vincite ed esporre insegne luminose e altro ancora, come le modalità relative alla esposizione dei Gratta e vinci. Va anche ricordato che sono previsti controlli con relative sanzioni per chi trasgredirà le regole.

In alcuni Comuni le nuove regole sono entrate in vigore a inizio dell’anno — e gli esercenti si sono già adeguati —, altrove non è così. Dipende dalla data di approvazione dei rispettivi consigli comunali. Non tutti, peraltro, hanno già approvato il regolamento, quindi l’obbiettivo di dare norme Comuni a tutto il territorio non può dirsi ancora raggiunto, per la difformità nelle tempistiche e nelle adesioni.