“Ho preso parte al flash mob insieme ai ragazzi di Gioventù Nazionale, per testimoniare la contrarietà alla modifica delle legge regionale, che era stata votata all’unanimità per regolare e limitare l’installazione delle slot vicino a punti sensibili. Il territorio carmagnolese ha toccato con mano cosa significa l’infiltrazione mafiosa in questo settore. Non bisogna abbassare la guardia!“. Così l’assessore a Carmagnola (TO), Alessandro Cammarata (FdI).

Articolo precedenteMondovì (CN), Caramello (FI) risponde a Ribezzo (Azione): “Legge giochi in Piemonte, siamo d’accordo su richiesta proroga espressa da consiglieri regionali”
Articolo successivoCarmagnola (TO), la sindaca Gaveglio (centrodestra): “Legge regionale giochi non va cambiata. Non vogliamo eliminare categoria produttiva, possono convertirsi”