E’ in corso una riunione della task force della Regione Campania per valutare la possibile apertura, dall’inizio della prossima settimana, delle attività legate al cibo da asporto, alle librerie e alle cartolerie. La task force sta lavorando alla definizione delle misure precauzionali a tutela dei dipendenti e degli utenti, a cominciare dagli interventi di disinfezione e sanificazione dei locali dopo molte settimane di inattività.Non si parla , almeno per ora di bar e esercizia la cui apertura rappresenta maggiori criticità.

Nei giorni scorsi le sale scommesse hanno presentato un documento con una proposta sulle modalità di riapertura di questa tipologa di attività

Oggi, in Senato, il premier Conte ha parlato invece di programma di riaperture omogeneo su base nazionale – “Stiamo elaborando un programma di progressive riaperture che sia omogeneo su base nazionale e che ci consenta di riaprire buona parte delle attività produttive e anche commerciali tenendo sotto controllo la curva del contagio”. Lo dice il premier Giuseppe Conte nell’informativa al Senato. E la soglia del contagio di riferimento “vogliamo che sia commisurata alla recettività delle strutture ospedaliere delle aeree di riferimento”, aggiunge.

“Anche per le misure di distanziamento sociale ci saranno alcune modifiche, non ci sfugge” la difficoltà dei cittadini “nel continuare a rispettare” le regole anti contagio e “l’aspirazione al ritorno alla normalità”, conclude il premier nell’informativa al Senato parlando del programma per la fase 2.