“L’ippica rappresenta non solo uno sport ma una filiera produttiva che porta con sé un indotto considerevole: serve una data certa per tornare alle corse come tante nazioni in Europa, auspicabilmente il 25 maggio, o la crisi che sta attanagliando il settore diverrà irreversibile”. Lo afferma il deputato capogruppo in commissione Cultura e responsabile Cultura per FdI, Federico Mollicone (nella foto).

“Esprimiamo completa solidarietà al settore che, ad oggi, può ripartire in completa sicurezza: gli ippodromi sono già a norma di distanziamento sociale. Il Dpcm ha dimenticato questo settore del non citandolo né come settore agricolo né sportivo né in quello dello spettacolo. Non c’è una data di riapertura, malgrado negli ippodromi migliaia di cavalli siano nutriti e allenati tutti i giorni”, aggiunge.