“Ancora una volta il settore del gioco pubblico legale subisce una discriminazione. Senza senso la scelta della Regione Sardegna di non prevedere, all’interno dell’ordinanza per disciplinare la zona bianca, alcuna riapertura degli esercizi dei concessionari. Sottolineo che per prima cosa aumenta il rischio che la domanda venga soddisfatta dal gioco illegale, inoltre in questo modo rimangono ancora fermi migliaia di lavoratori e lavoratrici, ormai allo stremo. C’è assoluta necessità di regole chiare. Se nemmeno in zona bianca le ricevitorie e gli altri esercizi del gioco legale (quasi tutte a conduzione familiare) possono aprire come avviene per gli altri punti vendita, allora c’è un pregiudizio ideologico da parte di Solinas nei confronti del settore”.

Così in una nota il deputato del Partito Democratico Paolo Lattanzio, componente della Commissione parlamentare antimafia.