Il deputato del Movimento 5 Stelle, Giorgio Lovecchio, ha presentato un’interrogazione a risposta scritta in Commissione Cultura della Camera – rivolta al Ministro della cultura e al Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, in cui chiede di valorizzare il patrimonio storico e artistico dell’Istituto Regionale di Incremento Ippico di Foggia.

Riportiamo di seguito il testo integrale dell’interrogazione: “Premesso che: l’Istituto Regionale di Incremento Ippico di Foggia (Iriip), già Regio Deposito Cavalli Stalloni di Foggia, istituito nel 1915 con decreto Luogotenenziale e assegnato al capoluogo da uno nel 1931, su una superficie di 22 ettari, tra scuderie e pista di galoppo, aveva giurisdizione che andava ben oltre la regione Puglia e finanche all’Abruzzo e Molise; nel mese di aprile, l’Iriip è stato oggetto di notizie che avrebbero voluto lo spostamento della sua sede nella città tarantina di Martina Franca presso l’Associazione nazionale allevatori del cavallo delle Murge e dell’Asino di Martina Franca (Anamf);

la sua funzione risulterebbe essenziale ai fini della riproduzione della razza, del recupero di quelle autoctone in via di estinzione e di salvaguardia di un patrimonio storico artistico inestimabile, numerose carrozze risalenti al diciannovesimo secolo o all’archivio fotografico documentale. Eppure da tempo è in atto un vero e proprio ridimensionamento che lasciava presagire a una prossima chiusura, infatti dei venti dipendenti dell’Istituto, nell’ultimo anno, ne risulterebbero soltanto due a discapito degli 80 stalloni ospitati, razze pregiatissime come purosangue arabi e inglesi oltre ai « cavalli murgesi », utilizzati dalle nostre forze armate, e agli « asini di Martina Franca », tutti esemplari bisognosi di continua tutela;

con nota del 29 aprile 2022, l’assessore al welfare della regione Puglia annunciava il parere negativo alla richiesta formulata dall’Anamf di affido del patrimonio faunistico, storico e artistico dell’Iriip; a margine di quanto comunicato dalla regione Puglia, ad oggi non sarebbe stato adottato alcun provvedimento utile al fine di incrementare il numero del personale disposto alla cura degli stalloni né sarebbe stata adottata alcuna misura volta a valorizzare il patrimonio artistici culturale”, il deputato chiede di sapere “se i Ministri interrogati siano a conoscenza di quanto esposto; quali iniziative, per quanto di competenza anche a carattere normativo, vogliano adottare al fine di valorizzare il patrimonio storico e artistico dell’Iriip; infine se non ritengano opportuno intraprendere iniziative normative volte a garantire il riconoscimento dell’istituto tra le competenze dirette dei Ministeri interrogati anche al fine di adottare misure assunzionali congrue alla cura degli equini attualmente presenti all’interno dell’Iriip”.

Articolo precedenteScommesse calciomercato: Bernardeschi pronto a raccogliere l’eredità di Insigne a Napoli. La Lazio però ci crede, Berna al fianco di Immobile a 7,50 su Sisal
Articolo successivoOrientamento professionale e sviluppo tecnologico, un nuovo progetto di Microgame e UniSannio