Nell’ambito dell’esame del DL 173/2022 “Disposizioni urgenti in materia di riordino delle attribuzioni dei Ministeri” in corso in Commissione Affari costituzionali della Camera, è stato dichiarato inammissibile l’emendamento Bordonali (Lega) 12.01, che attribuiva a un decreto del Ministro dell’economia, anziché del Ministro dell’interno, la disciplina dei criteri e delle garanzie necessarie per l’utilizzo e l’analisi dei dati contenuti nella rete telematica del gioco, di cui all’articolo 1, comma 728, della legge di bilancio 2020 (legge 160 del 2019), da parte dei soggetti autorizzati. La proposta di modifica è stata considerata inammissibile in quanto non riconducibile “all’ambito materiale del riordino delle strutture ministeriali o di governo, né sotto il profilo dell’organizzazione né sotto il profilo delle attribuzioni”.

Articolo precedenteSenato, M5S presenta ddl per l’istituzione di una Commissione parlamentare d’inchiesta sul fenomeno delle mafie: attenzione anche a giochi e scommesse
Articolo successivoRoma, domani il convegno “Gioco di Stato: il ruolo del gestore e la futura messa in sicurezza del settore”