“Sulle compensazioni abbiamo già detto e sui commercianti c’è la lotteria: siamo ridotti alla lotteria dello scontrino per riuscire a far tenere in equilibrio i conti dello Stato. Perché invece non iniziamo ad affrontare in maniera seria e organica una revisione complessiva per la quale si inizia a rendere detraibile e deducibile tutto ciò che comporta un esborso di denaro anche per il cittadino privato? Devo dire che, se possibile, l’eliminazione della sanzione è stata fatta con modalità quasi peggiorative, sottosegretario, perché si invita alla delazione il cliente che, laddove intenda in una qualche maniera, per ragioni proprie, andare a colpire il commerciante, può segnalare che quel commerciante non ha attivato la lotteria scontrino, favorendone di fatto – così è scritto – l’accertamento e le verifiche per andare a colpirlo”.

Lo ha detto in Aula alla Camera il deputato Galeazzo Bignami (FdI) nell’ambito della discussione sulle linee generali del disegno di legge: Conversione in legge del decreto-legge 26 ottobre 2019, n. 124, recante disposizioni urgenti in materia fiscale e per esigenze indifferibili.