Il calcio ora è in posizione d’attesa ma guarda alla ripresa con maggiore fiducia. Il governo valuta. I toni, dopo aver raggiunto il picco nel fine settimana, sicuramente si sono pacati. Anche Vincenzo Spadafora è più cauto.

Una spinta in più per favorire la ripartenza del campionato di serie A potrebbe arrivare oggi dalla Germania. La cancelliera Angela Merkel, in teleconferenza con i Länder, è chiamata a decidere se far giocare o meno la Bundesliga. Si parla del 15 maggio come possibile data. Per l’Italia la data resta quella del 18 maggio per la ripresa degli allenamenti di gruppo.

Il Decreto Maggio è ancora in fase di elaborazione ma alcuni punti sono già stati fissati. Spadafora ha puntato ancora sullo sport di base. Compare di nuovo il bonus dei 600 euro per i collaboratori sportivi. Cambiano le risorse che da 50 milioni passano addirittura a 270. Inoltre la bozza prevede l’estensione del contributo anche ai dipendenti fino a 50mila euro.

Tra le novità – si legge su ilgazzettino.it – si riparla del fondo per le società con l’1% delle scommesse (ma comunque non sarebbe solo per il calcio) e della cassaintegrazione per la Serie C (professionisti con stipendio fino a 50 mila euro), che il pallone aveva già provato ad ottenere nel primo decretone, ritrovandosi con un pugno di mosche in mano.