buffagni
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – È ancora aperta la partita sulla nomina del cosidetto “sotto-governo” gialloverde, ovvero i sottosegretari e i viceministri. Tutto è rinviato, riferiscono fonti parlamentari, alla prossima settimana. Le trattative, dunque, tra M5S e Lega continueranno senza sosta fino ad allora.

Intanto emergono le prime indiscrezioni. Al Mef sembra averla spuntata Laura Castelli per il ruolo di viceministro, mentre Stefano Buffagni dovrebbe diventare sottosegretario ma con deleghe di peso. Sempre che il parlamentare lombardo, molto vicino a Casaleggio padre, non finisca per riempire una casella del ministero dello Sviluppo economino al fianco di Di Maio.

Buffagni è il ‘Luca Lotti’ del Movimento Cinque Stelle. L’uomo ombra di Luigi Di Maio, con un passato da consigliere regionale in Lombardia, è entrato alla Camera il 4 marzo scorso forte dei buoni legami sia con la Casaleggio Associati sia con la Lega di Matteo Salvini.

Da buon plenipotenziario di Luigi Di Maio porta con sé una cartellina con la mappa delle nomine pubbliche in scadenza e che ben presto andranno rinnovate e “sulle quali ha una gran fretta di mettere becco”, rivela L’espresso. Un po’ sbrigativo nei modi, come quando commentando l’ arresto per corruzione di un famoso medico, disse: “Questa gente deve essere linciata ed esposta in pubblica piazza affinchè casi di questo genere non succedano mai più”.

Nel suo curriculum si vanta di aver iniziato a fare sport in età precoce, ad appena 4 anni. Si è fatto le ossa in un call center e poi ha lavorato come stagista tra gli scaffali Ikea. Ora, da commercialista, assicura che le grandi aziende non hanno segreti per lui.

“Con i 5Stelle merito e competenza torneranno di moda”, ha detto con grande sicurezza e sottolineando: “È solo questione di tempo”.
Commenta su Facebook