Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) La presenza di operatori di gioco online non autorizzati in Belgio ( ma che operano sul mercato con la raccolta di giocate) al meeting della Commissione Eu a Malta rischia di far scoppiare un vero e proprio casio diplomatico.

Gli europarlamentari Ivo Belet (CD & V) e il collega Marc Tarabella (PS) hanno espresso il loro dissenso per la presenza dei siti di gioco d’azzardo Betfair e Casumo al meeting e chiedono spiegazioni al commissario competente Bienkowska.

“Si tratta di siti di gioco illegali ai sensi della legge gioco d’azzardo belga ma che a quanto pare potranno partecipare a una conferenza a Malta, ovvero nel paese che in questo momento detiene la presidenza di turno dell’UE. Alla conferenza è prevista la riunione degli esperti del gambling online. Questo dà un segnale sbagliato a tutti i siti di gioco in Europa: ciò che non si può fare a livello nazionale, si può fare a livello UE “.

 

“E’ arrivato il momento di lanciare l’allarme: sia la Gambling Commission belga che la European Lotteries Association hanno già espresso la loro preoccupazione e hanno esortato l’organizzazione Maltese a rivedere il programma della conferenza.

“Il Parlamento europeo già tempo fa ha espresso preoccupazione per i legami tra il gioco d’azzardo legale e quello illegale. Se gli Stati membri non collaborano nell’affrontare il problema degli operatori illegali questi finiranno per restare impuniti . Il gioco d’azzardo pulito e legale dovrebbe essere il punto di riferimento per un gioco d’azzardo on-line sicuro in Europa “.

Belet e Tarabella hanno inviato una lettera al Commissario Bienkowska per chiederle di dare comunicazione alla Presidenza Maltese affinché si assuma la responsabilità di vietare la partecipazione di questi operatori . “La normativa nazionale degli altri Stati membri deve essere rispettata”, si legge nella missiva. Francesco Berni

Commenta su Facebook