“La Commissione Europea riconosce la necessità di proteggere i minori dal gioco online. La raccomandazione sulla protezione dei consumatori nel gioco online incoraggia gli Stati Membri a raggiungere un elevato livello di protezione per i minori suggerendo una serie di misure specifiche a tale riguardo. Secondo le informazioni a disposizione della Commissione, la maggior parte degli Stati Membri sembra disporre di misure per proteggere i minori, alcune dei quali adottate in seguito alla raccomandazione, mentre per altri sono previste in futuro. Poiché non esiste una normativa UE specifica per settore sul gaming, gli Stati Membri sono liberi di regolamentare le attività di gioco purché in linea con le norme sul mercato interno stabilite dal Trattato e interpretate dalla Corte di giustizia dell’UE. Le norme sul gioco, comprese le misure per proteggere i minori dal gioco, possono variare da uno Stato membro all’altro. La Commissione non intende proporre misure specifiche in relazione ai servizi di gioco in questa fase”. E’ quanto si legge nella risposta del Commissario europeo per il mercato interno Elzbieta Bienkowska all’interrogazione dell’europarlamentare Emma McClarkin (ECR) sulla protezione dei minori dal gioco online. “Per quanto riguarda i giovani e la sicurezza su Internet, nell’ambito della strategia Better Internet for Children, la Commissione combina misure complementari per affrontare la sicurezza online dei minori. Co-finanzia i Safer Internet Centres in tutta Europa che offrono aiuto e orientamento a bambini, genitori e insegnanti quando si trovano ad affrontare sfide online. Inoltre, nel Safer Internet Day dello scorso anno, la Commissione ha lanciato la campagna #SaferInternet4EU per sensibilizzare sulla sicurezza online, l’alfabetizzazione mediatica e l’igiene informatica. Inoltre, tutti gli Stati Membri dell’UE sono parti della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dei minori che sancisce la protezione dei bambini dalla violenza, compresi i rischi connessi all’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICTs) come il gioco”, conclude.

Advertisement