Bienkowska
“Nonostante l’esistenza di alcuni studi sul gioco d’azzardo problematico, è generalmente riconosciuto che è difficile valutare la diffusione dei disturbi di gioco e il loro impatto economico e sociale’.

Non esiste una legislazione UE specifica per settore del gioco. Gli Stati membri sono liberi di regolamentare le attività di gioco purché siano in linea con le norme sul mercato interno stabilite dal Trattato e interpretate dalla Corte di Giustizia dell’UE”.

Questa la risposta del Commissario europeo per il mercato interno, Elzbieta Bienkowska, all’interrogazione dell’europarlamentare Cătălin Sorin Ivan (NI) sul tema del gioco.

“Ciononostante, la Raccomandazione della Commissione del 14 luglio 2014 sui principi per la tutela dei consumatori e dei giocatori dei servizi di gioco online e per la prevenzione dei minori dal gioco online contenga raccomandazioni riguardanti settori quali il sostegno dei giocatori, il time-out e l’autoesclusione. La raccomandazione incoraggia gli Stati membri a raccogliere dati statistici su numero di giocatori autoesclusi e coloro che hanno avuto problemi con il gioco. Inoltre, la Commissione sostiene gli Stati membri nei loro sforzi per modernizzare i loro quadri giuridici nazionali sul gioco online. Ha facilitato – conclude – lo scambio di informazioni e buone pratiche tra i regolatori nazionali del gioco, in particolare attraverso discussioni nel gruppo di esperti sui servizi di gioco online. Ha inoltre facilitato la conclusione di un accordo di cooperazione amministrativa tra tali autorità di regolamentazione, che prevede ad esempio lo scambio di informazioni sui risultati di indagini e studi condotti dalle autorità di regolamentazione in materia di disturbi del gioco e dipendenze dal gioco”.

Commenta su Facebook