“A Bergamo abbiamo lavorato molto anche sul gioco d’azzardo perché i dati erano preoccupanti. A un certo punto abbiamo deciso di mettere un freno. Non è facile perché per anni lo Stato ha spinto per far cassa. Questo ha prodotto…

Per leggere questo articolo

Accedi o registrati