Un’unica ordinanza contro il gioco d’azzardo per tutti e 18 i comuni della Bassa occidentale: Arcene, Arzago, Brignano, Calvenzano, Canonica, Caravaggio, Casirate, Castel Rozzone, Fara Gera d’Adda, Fornovo San Giovanni, Lurano, Misano, Mozzanica, Pagazzano, Pognano, Pontirolo Nuovo, Spirano, Treviglio. Il documento è stato firmato ieri nella sede di Risorsa sociale , l’azienda consortile dei Comuni per i servizi sociali. Congelati, a causa di un giudizio pendente al Tar, i limiti di orario sul Gratta&Vinci e 10&Lotto.

Come previsto dal Regolamento di Ambito, gli orari di limitazione del gioco d’azzardo saranno dalle 12.30 alle 14.30 e dalle ore 23 alle 10. Il provvedimento è stato condiviso dai sindaci nell’Assemblea di Ambito di settembre, che ha sancito il ritrovato accordo territoriale sull’argomento: l’effetto delle ordinanze, infatti, andando a sospendere, in attesa del pronunciamento del Tar, l’applicazione della limitazione oraria di “Gratta e vinci” e “Dieci e lotto”, andrà sostanzialmente a equiparare gli effetti delle limitazioni orarie fra i Comuni che hanno adottato il Regolamento d’Ambito e il Comune di Treviglio che in fase di approvazione in consiglio comunale aveva apportato delle modifiche rispetto a quanto concordato in sede d’Ambito.

L’applicazione dell’ordinanza sugli orari verrà garantita grazie a un’azione di coordinamento fra le polizie locali, all’attività di monitoraggio civico dei cittadini coinvolti nei Gruppi guida attivi sul territorio per il contrasto del Gioco d’azzardo patologico, e anche grazie all’attivazione centralizzata dell’applicativo “Smart” messo a disposizione degli enti locali dall’Amministrazione Centrale. “La nostra non è una battaglia contro qualcuno – ha chiarito Fabio Ferla, sindaco di Calvenzano e presidente dell’Ambito di Treviglio – Ma è a favore della salute e del benessere dei nostri cittadini”.