La Commissione Europea ha dato il via libera al Progetto di regio decreto che stabilisce norme dettagliate in materia di pubblicità del gioco d’azzardo in Belgio. L’ok è giunto con un mese di ritardo a causa dello stop dovuto ad un parere circostanziato presentato da Malta.

Il progetto stabilisce norme dettagliate per la pubblicità del gioco d’azzardo ai sensi dell’articolo 61, paragrafo 2, della legge del 7 maggio 1999 relativa al gioco d’azzardo, alle scommesse, agli stabilimenti di gioco d’azzardo e alla protezione dei giocatori. Esso contiene definizioni ed elenca le forme di pubblicità consentite dai titolari di licenze di gioco d’azzardo. Esso contiene una serie di principi applicabili a tutte le pubblicità autorizzate dal regio decreto.

“La pubblicità del gioco d’azzardo – si legge nella presentazione del decreto – è onnipresente in televisione, radio, social media e per le strade. Tale pubblicità non è priva di pericoli per la salute pubblica e per la società. La pubblicità normalizza il gioco d’azzardo nell’ambito della società. Attraverso la pubblicità, il gioco d’azzardo viene presentato come un comportamento socialmente e culturalmente accettabile e come un’attività di svago legittima. Ciò è dannoso per i gruppi più vulnerabili come i minori, i giovani e le persone con dipendenza dal gioco d’azzardo. In assenza di una norma a livello dell’Unione europea, gli Stati membri sono liberi di stabilire le regole n materia. Al fine di migliorare la tutela dei giocatori, lo scopo del presente decreto è quindi quello di limitare le forme di pubblicità consentite nel settore del gioco d’azzardo e delle scommesse e di imporre regole sul contenuto di tale pubblicità”.

Articolo precedenteSBC Summit Barcelona, il 22 settembre focus sull’open banking con Johan Tjärnberg (Trustly)
Articolo successivoMef, giochi: nel secondo trimestre 2022 aperte 186 nuove partite Iva