Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) Via libera dalla Commissione Europea al progetto di legge del Belgio in materia di modifiche alla legge sul gioco d’azzardo. Si tratta di un provvedimento reso necessario a seguito dell’introduzione delle nuove offerte di gioco.

Il progetto introduce, in particolare, le seguenti modifiche:
– divieto della pratica dei giochi di carte o di società di cui all’articolo 3.3. della legge mediante dispositivi non autorizzati dalla commissione dei giochi d’azzardo;
– modifica dell’articolo 3 bis per applicare il controllo dell’età e dell’identità anche alle macchine per lotteria, giochi d’azzardo e scommesse della lotteria nazionale;
– modifica della composizione della commissione dei giochi d’azzardo per promuovere una partecipazione più equilibrata di uomini e donne in seno alla stessa;
– modifica delle condizioni di nomina dei membri effettivi o supplenti della commissione o del presidente;
– rafforzamento del potere sanzionatorio, con imposizione di obbligo, e non più possibilità, di sanzione per la commissione;
– aumento del numero massimo di dispositivi di gioco d’azzardo consentiti presso i pubblici esercizi;
– modifica dell’articolo 43/4 della legge in relazione agli esercizi di giochi d’azzardo di classe IV (conclusione di una convenzione tra il comune dell’esercizio e l’esercente, da un lato, e i dati relativi alla pratica di giochi d’azzardo automatici che propongono scommesse su attività simili a quelle offerte in un’agenzia di scommesse si trovano in una sede permanente nel territorio belga, dall’altro);
– aggiunta di due condizioni supplementari che devono essere soddisfatte dai richiedenti di concessioni di classe F1 ed F2 (convenzione tra il comune e l’esercizio e divieto di stabilirsi nei pressi di scuole ecc.);
– potere conferito al Re di stabilire criteri differenti in base alla classe della concessione e alla modalità di offerta del gioco (online o nel mondo reale);
– divieto di praticare i giochi d’azzardo virtuali nelle agenzie di scommesse per i minori di 21 anni di età;
– competenza generale conferita al Re per stabilire le modalità relative alla pubblicità dei giochi d’azzardo;
– ampliamento del campo di applicazione dell’Excluded Persons Information System (EPIS) a tutti gli esercizi di giochi d’azzardo fissi di classe IV.

Commenta su Facebook