Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) “Sono soddisfatto di questa intesa con Regioni ed Enti locali, il punto di partenza è una esasperata diffusione dell’offerta di gioco sul territorio nazionale. Abbiamo ridotto del 30% le Awp e del 50% i punti gioco. Le Awp oggi sono 400mila, i punti gioco complessivamente sono 100 mila, saranno ridotti a 50 mila in tre anni. Si tratta di una svolta considerevole”. Così il sottosegretario all’Economia, Pier Paolo Baretta, intervenuto oggi su Radio Vaticana. “Il gioco non si estingue, senza una regolamentazione sarebbe in mano alla criminalità organizzata. Per legge possiamo controllarlo e ridurlo. Lo stiamo facendo. Senza un controllo avremmo una clandestinità più pericolosa per la salute pubblica”. “Recentemente – ha proseguito Baretta – ci sono stati una serie di episodi per i quali una società è stata espulsa dalla possibilità di gioco poichè irregolare. Nell’Intesa abbiamo accentuato le forme di controllo. La Commissione Antimafia ha offerto regole nuove che abbiamo adottato, la Polizia ha maggiore potere di controllo a contrasto della criminalità organizzata. Non bisogna mai mollare la presa”. “Abbiamo invertito la tendenza. Abbiamo iniziato un percorso lungo. Si doveva mettere un punto fermo sulla direzione di marcia. Per un lungo periodo è stata indirizzata verso il calcolo delle entrate, ora è stata indirizzata anche sulla salute pubblica e il contrasto alla criminalità. Si tratta di un processo che avrà nuove tappe, penso al gioco online. Per quanto riguarda la pubblicità, ritengo le misure adottate non ancora sufficienti, dobbiamo fare passi in avanti. Nell’Accordo abbiamo chiesto nuove regole all’Agcom”, ha concluso il Sottosegretario.

Commenta su Facebook