slot
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Cambiano, in parte, le regole sul gioco d’azzardo ad Appignano (MC). Il regolamento, entrato in vigore dal 1 ottobre di quest’anno, introduceva limiti orari alle slot che dovevano restare spente dalle 7 alle 9, dalle 12 alle 14, dalle 17 alle 20 e dalle 23 alle 2. 

Stabiliva inoltre la distanza minima di 300 metri dai luoghi sensibili, come scuole di ogni genere e grado, luoghi dove si pratica lo sport e luoghi di aggregazione, sia per i giovani che per gli anziani. Previste dal regolamento anche azioni premianti nei confronti delle attività commerciali che decideranno di togliere gli apparecchi da gioco che potranno usufruire per ben 10 anni dell’azzeramento della Tari.

Dopo una serie di incontri con gli esercenti e con la stessa associazione di categoria AsTro, l’Amministrazione non ha ritenuto accettabile la sospensione dell’ordinanza, bensì si è impegnata a ridurre le fasce e la durata complessiva dello spegnimento, orientandola soprattutto nel pomeriggio/sera e accogliendo un eventuale accordo degli esercenti all’interno della seconda parte del giorno.

La modifica che infine è stata approvata prevede la disattivazione delle slot dalle ore 14.00 alle ore 18.00 e dalle ore 20.00 alle ore 22.00. Rimangono invece invariati gli altri punti approvati nella precedente delibera di consiglio. Quindi le forme premianti a favore degli esercenti che decideranno di togliere tutte le apparecchiature e congegni per il gioco d’azzardo ed altro materiale di gioco: azzeramento del tributo comunale TARI per 10 anni e donazione di “giochi sani” (biliardino o giochi da tavolo); e distanziometro, con le sale da gioco che dovranno essere collocate ad una distanza non inferiore a mt. 300 dai luoghi sensibili.

Commenta su Facebook