slot
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – “La Giunta sbandiera il nuovo testo del Regolamento contro il gioco d’azzardo patologico come un risultato positivo, in realtà si tratta di un bluff”. Inizia così l’attacco portato dal Movimento Cinquestelle Ancona all’amministrazione Mancinelli.

“Il titolo -aggiunge il consigliere comunale Daniela Diomedi– potrebbe essere accompagnato da: “contrordine compagni”…. Le apprezzabili aperture al contenimento del fenomeno con i pochi strumenti che la legge regionale consente si sono, col nuovo testo, richiuse. Dove il vecchio testo prevedeva il frazionamento degli orari di apertura delle sale ed una riduzione dell’orario da 12 ad 8 ore, frazionato, ora ne prevede 10 e continuate”.

“Da sottolineare -prosegue la nota stampa- che la modifica in peggio, dell’unica previsione apprezzabile, contenuta nel vecchio testo, è intervenuta dopo una interlocuzione con la parte imprenditoriale. Se la misura del frazionamento dell’orario, ovviamente, nulla può contro la compulsività sicuramente può prevenirla. Ho presentato 13 emendamenti al nuovo regolamento, di cui 9 tali e quali a quelli già depositati per migliorare il vecchio testo che, come il nuovo, peggiorato come detto, continua a contenere lapsus e incongruità”.

“Gli Enti Locali possono, in base alla legge regionale, intervenire per regolamentare la materia in modo più efficace ma tra potere e volere c’è una abissale distanza. Molti sindaci hanno interesse per la salute della comunità che hanno l’onore e l’onere di amministrare; stanno dalla parte dei più fragili e cercano di prevenire i danni… il sindaco di Ancona (e la sua Giunta) -conclude Daniela Diomedi- hanno evidentemente altre priorità”.

Commenta su Facebook