Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Anche Pinerolo (TO) scende in campo contro la patologia derivante dai giochi d’azzardo, ovvero l’incapacità di resistere all’impulso di praticare giochi d’azzardo che colpisce tutte le fasce sociali, pur privilegiando quelle svantaggiate culturalmente ed economicamente e può portare – scrive l’ordinanza del sindaco – alla rottura dei legami familiari e sociali ed alla compromissione della posizione lavorativa e sociale e, nei casi più estremi, sino a gravi fatti delittuosi contro di sé ed i propri congiunti nonché a generare fenomeni criminosi e ad alimentare il fenomeno dell’usura.

 

Nei giorni corsi è sta infatti pubblicato il relativo editto a firma del primo che limita gli orari di utilizzo delle slot machines e dei videopoker, che prevede che le macchinette restino spente per ben 16 ore al giorno, poco importa se feriale o festivo: da mezzanotte alle 14 e dalle 18 alle 20. L’obiettivo è quello di impedirne l’accesso indiscriminato in particolare nelle fasce orarie nelle quali è maggiormente probabile l’accesso delle persone per le quali è più rilavante un intervento di tutela della salute, gli anziani e gli adolescenti.

 

Il provvedimento guarda alla tutela della comunità locale limitando l’uso degli apparecchi automatici per il gioco d’azzardo lecito senza impedire del tutto il loro utilizzo per non impedire del tutto la libertà d’impresa. Il divieto entrerà in vigore ed avrà quindi efficacia dal 30 ottobre prossimo. Sarà obbligatorio, per il gestore o proprietario del locale in cui di potranno effettuare le giocate esporre un apposito cartello, in luogo ben visibile e con caratteri evidenti gli avvertimenti sul rischio di dipendenza dalla pratica di giochi con vincita in denaro ed un altro, affisso all’esterno del locale, indicante l’orario in cui sarà lecito giocare. Pesantissime le sanzioni: da 500 a 1500 euro di multa ogni slot accesa.

Commenta su Facebook