Il direttore delle operazioni d’Europa del GRUPPO CODERE, Alejandro Pascual González è intervenuto nei giorni al XVI Congresso del Gioco di Castiglia e Leon con un interessante discorso sul “Contributo dell’industria del gioco e delle scommesse per la società”.

“Il contributo più rilevante che offriamo è ai clienti sta nel fatto di fornire loro una sana esperienza di svago e divertimento”, ha detto Pascual González, ricordando che solo in Spagna  questi clienti sono  “circa 29 milioni di persone , una cifra che si muove tra l’80 e l’85% della popolazione adulta di questo paese”, e  “Ciò significa che hanno un’esperienza salutare, sono soddisfatti di ciò che fanno e tornano e rigiocano . ”

Godere del gioco come opzione di svago è, in breve, riferirsi a  “un’attività consolidata, che svolgono come esercizio della loro libertà individuale”, ha detto.

Allo stesso modo, il relatore ha sottolineato che  “contrariamente a quanto si dice , sono clienti responsabili, che hanno un comportamento responsabile e il budget che dedicano a questa attività è sicuramente una piccola parte del loro budget riservato al tempo libero” . Pertanto , in tempi di crisi, è anche la prima voce di spesa “a essere tagliata ” .

E ciò costituisce, d’altra parte, uno dei motivi per cui il settore ha subito la crisi economica  “in modo drammatico” , ha spiegato. Ma il fatto che per la stragrande maggioranza costituisca un’opzione per il tempo libero praticata con responsabilità non significa che non sia necessario riconoscere che  “esiste anche una piccola parte dei clienti, lo 0,3 per cento della popolazione, che ha problemi di gioco ” ,

Una realtà che, lungi dal giustificare gli allarmismi, deve essere inserita nel contesto, ha affermato, osservando che si tratta di una cifra  insignificante anche in termini comparativi. Sia in relazione ad altre dipendenze, all’interno di quelle comportamentali, -come acquisti compulsivi o, ad esempio, l’uso di nuove tecnologie-, sia se inserita  in un contesto internazionale,  “dove siamo uno dei paesi che hanno un tasso di prevalenza del gioco problematico più basso  ” .

Il gioco come generatore di occupazione è stato un altro aspetto affrontato da Pascual González. “A livello nazionale genera 85.000 posti di lavoro diretti e 174.000 posti di lavoro indiretti e detiene anche altri 52.000 posti di lavoro nel settore dell’ospitalità” . Oltre ad essere un motore di  “occupazione sostenuta” , attraverso di essa “Generano risorse per 311.000 persone, il che ci rende un settore molto importante per l’economia nazionale in termini di occupazione, generando un livello di occupazione più elevato rispetto ad altri settori. In effetti, siamo un settore ad alta intensità di occupazione, che negli ultimi anni ha creato 7000 nuovi posti di lavoro a livello nazionale . ”

Oltre a quello quantitativo,  “è anche importante evidenziare gli aspetti qualitativi dell’occupazione che generiamo, poiché incorporiamo profili molto vari: profili finanziari commerciali tecnici di nuove tecnologie, ecc. E stiamo integrando un gran numero di professionisti altamente qualificati nell’innovazione, generando occupazione di qualità .