(Jamma) – Nella seduta di mercoledì pomeriggio il Consiglio metropolitano di Bologna ha approvato con 13 voti a favore (Pd, Movimento 5 stelle e Rete Civica) e 2 astenuti (Uniti per l’Alternativa) un ordine del giorno per il contrasto alle ludopatie e in particolare al fenomeno di diffusione delle slot machines sul territorio metropolitano.

Il testo approvato è stato presentato da Paolo Rainone (Movimento 5 stelle), Raffaele Persiano (Pd) e Alessandro Santoni (Rete Civica) e nasce da un documento analogo proposto e poi ritirato da Rainone nell’ultima seduta del Consiglio.

”Dopo diversi mesi è passato un testo condiviso in città metropolitana che dà indirizzi per il contrasto alle ludopatie”, il commento di Rainone. In particolare, il documento invita il sindaco e la giunta metropolitana “a promuovere l’adesione a Slot Fre-ER presso esercenti disposti a rimuovere le slot-machines o congegni similari dal proprio esercizio, valutando per tali commercianti “virtuosi” anche l’adozione di sistemi premianti o di leve fiscali disincentivanti; ad attivare azioni di sensibilizzazione; a promuovere azioni di contrasto alle ludopatie coordinate su tutto il territorio della Città Metropolitana di Bologna; a regolamentare, in modo uniforme nell’intera area metropolitana, con apposita ordinanza sindacale, gli orari di funzionamento delle cosiddette “macchinette” (slot, VLT) installate presso gli esercizi commerciali (tabaccherie, bar, ristoranti), oltre che nelle sale scommesse e sale gioco, con particolare riferimento alle fasce orarie 10:00 – 13:00 e 17:00 – 22:00. Si intende pertanto che, fuori da questi orari, gli impianti elettronici dedicati al gioco, installati negli esercizi sopra citati, debbono tassativamente rimanere spenti; a promuovere un adeguato sistema di controllo dell’applicazione della suddetta ordinanza sindacale e, in caso di mancato rispetto degli orari, prevedere sanzioni amministrative commisurate
alla trasgressione”.

Commenta su Facebook